Convinzioni limitanti: come liberarsene

    Convinzioni limitanti: come liberarsene
    • Aggiornato il: 31-10-2019

    Convinzioni limitanti: come liberarsene

    “Mantieni positive le tue convinzioni, perché le tue convinzioni diventano i tuoi pensieri, i tuoi pensieri diventano le tue parole, le tue parole diventano le tue azioni, le tue azioni diventano le tue abitudini, le tue abitudini diventano i tuoi valori, i tuoi valori diventano il tuo destino!”
    (Mahatma Gandhi)

    Uno dei passi fondamentali per sviluppare un atteggiamento mentale positivo, è quello di liberarsi di tutte le convinzioni limitanti che generano pensieri negativi, penalizzando la qualità della nostra vita.

    Ognuno di noi, in conseguenza degli insegnamenti ricevuti e delle esperienze passate, ha costruito un insieme di credenze attraverso il quale definisce cosa è giusto, sbagliato, piacevole, doloroso, importante…

    Questo insieme di credenze funziona come un filtro della mente che permette di interpretare, in maniera estremamente soggettiva, la realtà che ci circonda, condizionando direttamente pensieri, emozioni e comportamenti.

    Le convinzioni sono credenze particolarmente radicate e potenti. Sono responsabili della maggior parte dei pensieri che limitano le nostre potenzialità e bloccano il nostro percorso di crescita personale.

    Le 11 idee irrazionali di Ellis

    “I migliori anni della tua vita sono quelli nei quali tu decidi che i tuoi problemi hanno a che vedere con te. Non accusi tua madre, la società o il presidente. Ti rendi conto che puoi controllare il tuo destino.”
    (Albert Ellis)

    Albert Ellis, psicologo statunitense, durante lo sviluppo della “teoria razionale emotiva”, si accorse che la maggior parte dei malesseri emozionali nascono a causa di una interpretazione distorta della realtà.

    Questa distorsione avviene prevalentemente a causa di alcune credenze limitanti che Ellis chiama idee irrazionali:

    1. “Io essere umano adulto, ho assolutamente bisogno di venire amato, stimato e approvato da tutte le persone significative del mio ambiente.”

    Falso – Tu sei il solo e unico giudice di te stesso. Impara ad amarti e a rispettarti, l’approvazione altrui è un obiettivo auspicabile, ma non necessario.

    2. “Io devo assolutamente essere sempre perfettamente adeguato, competente e di successo in tutto quello che faccio e sotto ogni aspetto.”

    Falso – Pensare di vincolare la fiducia di sé al raggiungimento di un obiettivo è un grosso inganno. Quello che è importante è osare, imparare dai fallimenti, gratificarsi per i successi ottenuti e soprattutto vivere un presente di qualità.

    3. “Tutte le persone che dico io devono assolutamente comportarsi come dico io, altrimenti sono intrinsecamente cattive, malvagie e scellerate, e quindi meritano di essere severamente condannate e punite.”

    Falso – Ogni individuo agisce in base alle sue convinzioni, che raramente coincidono con le nostre.

    4. “Tutte le cose devono assolutamente andare come dico io.”

    Falso – La vita è fatta di successi e fallimenti, ed è proprio quando sbagliamo che cresciamo maggiormente.

    L’importante è accettare i propri sbagli, individuare le qualità che dovremmo migliorare per non commetterli più, e impegnarci da subito in questo miglioramento.

    5. “La mia infelicità dipende da cause esterne, e quindi io posso fare poco o niente per cercare di controllare le mie pene e i miei disturbi.”

    Falso – Tu sei il padrone delle tue emozioni. Una emozione negativa è semplicemente un segnale della mente che ti invita a cambiare strategia nel modo in cui affronti certi aspetti della tua vita.

    6. “Siccome può succedere qualcosa di brutto, pericoloso o dannoso, mi devo preoccupare in continuazione, penso che succederà di sicuro, penso che succederà nelle forme peggiori, penso che non ci potrò fare nulla.”

    Falso – La maggior parte delle paure sono generate dalla nostra immaginazione senza alcun fatto oggettivo a supporto.

    7. “Se qualcosa mi sembra difficile o richiede una mia assunzione di responsabilità, allora mi conviene evitarla piuttosto che affrontarla.”

    Falso – Fuggire da un problema non fa altro che ingigantire la difficoltà nell’affrontarlo, rendendoti più insicuro e vulnerabile.

    8. “Io sono debole e quindi ho bisogno di qualcuno più forte a cui appoggiarmi e da cui dipendere altrimenti non ce la posso fare.”

    Falso – Per diventare forti bisogna curare la propria indipendenza emotiva e la fiducia in se stessi (autostima e autoefficacia).

    9. “Il mio passato è la determinante assoluta delle mie condizioni attuali; e se una volta qualcosa ha avuto una forte influenza su di me, allora continuerà per sempre ad esercitare lo stesso effetto, quindi non c’è niente da fare.”

    Falso – Il destino si costruisce partendo dal presente, attraverso azioni di qualità.

    10. “Se qualcuno ha qualche problema o disturbo che gli fa fare qualcosa che non mi piace allora io mi devo tremendamente sconvolgere per questo motivo.”

    Falso – Coltiva la tua serenità attraverso i contributi che puoi dare al mondo per renderlo un posto migliore. Tu sei responsabile solo delle tue azioni.

    11. “È sempre possibile trovare una soluzione perfetta di fronte a qualsiasi problema umano, e quindi io la devo assolutamente raggiungere.”

    Falso – La fiducia sulla tua capacità di risolvere i problemi non deve essere confusa con l’onnipotenza. Accetta serenamente i fallimenti, le persone di successo sono quelle che più sanno imparare da queste situazioni.

    Le tecniche per liberarsi dei pensieri negativi

    “Nessuno è nato sotto una cattiva stella; ci sono semmai uomini che guardano male il cielo.”
    (Dalai Lama)

    Se rilevi che alcune delle credenze citate fanno parte del tuo modo di pensare, devi liberartene e sostituirle con nuove credenze potenzianti.

    Per effettuare questa trasformazione esistono alcune tecniche della PNL e della psicologia positiva che possono essere di grande aiuto nel ristrutturare il modo in cui osservi e interpreti il mondo che ti circonda:

    1. Reframing – Consiste nell’allenare la capacità di osservare gli eventi che caratterizzano la nostra vita da prospettive differenti, sviluppando quella flessibilità mentale necessaria a confutare i pensieri negativi.

    2. Modello ABCDE – Modello elaborato da Martin Seligman, padre della psicologia positiva, che insegna a confutare le credenze limitanti che fanno parte del nostro sistema di credenze, e permette di sostituirle con nuove credenze potenzianti.

    Lascia una recensione

    avatar