Senso di colpa: come nasce e come gestirlo

    Senso di colpa: come nasce e come gestirlo
    • Aggiornato il: 01-11-2019

    Senso di colpa: come nasce e come gestirlo

    Una strategia in 3 passi per gestire il senso di colpa.

    “Invece di sentirti in colpa o cercare scuse per delle azioni negative compiute in passato, incomincia ora ad agire positivamente.”
    (Jim Morrison)

    Il senso di colpa è una emozione molto profonda legata alla sfera della moralità, che nasce principalmente per tre motivi:

    1. Come effetto della disapprovazione altrui.

    2. Come conseguenza di cose che abbiamo fatto in contrasto con i nostri valori guida.

    3. Come rammarico per cose che avremmo voluto fare, ma che per vicissitudini varie non abbiamo fatto.

    Quando siamo in balia di questa emozione, i nostri pensieri si focalizzano sul come sarebbe andata la situazione se fosse stata affrontata diversamente, generando un dialogo interno fortemente negativo:

    “Non sono stato all’altezza di…”
    “Se fossi stato maggiormente attento avrei …”
    “Se mi fossi comportato diversamente…”
    “Non avrei dovuto…”

    Portare nel nostro presente qualcosa che è già accaduto, e che non può essere cambiato, rappresenta una inutile dispersione di energie che potremmo utilizzare per vivere meglio il presente.

    Il segnale legato a questa emozione richiede:

    #1 – Consapevolezza

    È necessario individuare le cause originarie che hanno creato questo malessere. Possono essere reazioni emotive legate all’infanzia, senso di colpa generato dal coniuge, dai figli, dal contesto lavorativo.

    #2 – Accettazione

    Una volta identificate le cause di questo malessere, è fondamentale accettare che le azioni che sono state fatte – o non fatte – non possono essere cambiate. Sentirti in colpa non modificherà il passato, e non ti renderà una persona migliore.

    Per alleggerire il peso di questa emozione non dare per scontato che sia tutta colpa tua, fatti le seguenti domande:

    “Quanto è accaduto dipende veramente tutto da me?”
    “La colpa legata a questo disagio è così grave?”
    “Sono stato eccessivamente severo con me stesso?”

    Per approfondire: Accettazione

    #3 – Vivere nel presente

    Quando i tuoi pensieri si spostano su un ricordo che genera sensi di colpa, ricordati che puoi solo imparare dal passato, e utilizzare queste esperienze per vivere meglio il presente.

    Per approfondire: Qui ed ora: vivere il momento presente

    Le tecniche e i consigli che vengono illustrati sono il risultato di studi ed esperienze personali orientate al miglioramento del potenziale individuale. Se ritieni che la qualità delle tue emozioni inizi ad essere invalidante, o sei a conoscenza di disturbi fisici o psicologici, rivolgiti a uno specialista del settore.

    Lascia una recensione

    avatar