L’arte della perseveranza

    L'arte della perseveranza
    • Aggiornato il: 08-01-2019

    L’arte della perseveranza

    Strategie pratiche per allenare la perseveranza, una delle abilità più importanti per il raggiungimento dei nostri obiettivi.

    “Al contrario di quello che sostiene il noto detto, perseverare non è diabolico: è umano. Diabolico è rinunciare a impegnarsi, rimanere immobili, mettersi ad aspettare che la motivazione arrivi dall’esterno, non sfruttare a fondo tutte le risorse di cui gli esseri umani sono dotati. Se impegno e motivazione mettono in grado di raggiungere risultati straordinari, diabolico è sprecare questa opportunità.”
    (Pietro Trabucchi)

    Ogni obiettivo sufficientemente sfidante, può essere paragonato all’atto del correre una maratona: se devi correre una maratona, non puoi partire come se dovessi fare una gara sui cento metri, bruceresti in un attimo energie e motivazione, ma procedere con costanza chilometro dopo chilometro, fino al raggiungimento del traguardo finale.

    Talento e perseveranza

    “In molti hanno talento, ma l’abilità richiede un lavoro duro… Molta gente crede che il mio modo di giocare sia stato un dono di Dio, mentre in realtà è soprattutto il frutto di ore di lavoro in palestra.”
    (Michael Jordan)

    Esiste una tendenza molto diffusa a enfatizzare le grandi imprese di uomini di successo, come se i loro risultati dipendessero esclusivamente da una combinazione di fortuna e talenti innati, dimenticando tutto il duro lavoro e la costanza di impegno che quasi sempre si nascondono dietro traguardi così importanti.

    Tutte le volte che si fa una analisi più dettagliata delle caratteristiche che contraddistinguono queste persone, le abilità che emergono con maggiore forza sono la determinazione e la perseveranza.

    Anders Ericsson, psicologo svedese che si è specializzato nello studio della natura psicologica delle competenze e delle prestazioni umane, ha teorizzato la “regola delle 10.000 ore”, secondo la quale il talento non esiste, e chiunque può diventare un esperto in una determinata disciplina attraverso l’esercizio costante, con una pratica di circa 10.000 ore (investendo 4 ore al giorno, parliamo di circa 7 anni).

    Per essere precisi le ricerche di Ericsson si focalizzarono sul campo musicale, analizzando i risultati ottenuti da giovani musicisti, ma il messaggio importante che arriva da questi studi è che non importa quanto impegnativo sia il tuo obiettivo, applicandoti con costanza e facendo ogni giorno qualche piccola azione che ti porti verso un traguardo intermedio, raggiungerai con successo la meta desiderata.

    Ostacoli e imprevisti saranno parte integrante di questo viaggio, non permettergli di fermarti, in qualunque situazione esiste sempre qualcosa che puoi fare per avanzare di qualche metro.

    Monitora costantemente i tuoi progressi, ti accorgerai che il solo fatto che esistano ti regalerà l’energia necessaria per garantire continuità al tuo procedere.

    I consigli di Napoleon Hill

    “Molti di noi passano la vita come dei falliti, perché siamo in attesa del ‘momento giusto’ per iniziare a fare qualcosa di utile. Non aspettare. Il momento non potrà mai essere quello ‘giusto’. Inizia dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento tu possa avere a disposizione, e troverai migliori strumenti mentre stai proseguendo.”
    (Napoleon Hill)

    Napoleon Hill, scrittore e saggista fra i primi a occuparsi di tematiche relative alla crescita personale, affermava che l’arte della perseveranza ha lo straordinario potere di trasformare i nostri desideri in risultati concreti, e si alimenta attraverso:

    1. Chiarezza dell’obiettivo – Devi sapere esattamente cosa vuoi ottenere, e avere ben chiari i valori che il tuo obiettivo permetterà di soddisfare.

    Per approfondire: I valori guida

    2. Fiducia in se stessi – Devi crederci!

    Per approfondire: Fiducia in se stessi: come aumentare autostima e autoefficacia

    3. Automotivazione – Devi trasformare i tuoi desideri in capacità di motivare te stesso quotidianamente.

    Per approfondire: Automotivazione: la tecnica della bilancia motivazionale

    4. Studio e sviluppo dei talenti – Devi approfondire le tematiche relative agli obiettivi che vuoi raggiungere, e coltivare i talenti che possono aiutarti in quel particolare contesto.

    Per approfondire: Come sviluppare i tuoi talenti

    5. Abitudini – Devi sviluppare una serie di abitudini di qualità che,  senza alcun particolare sforzo, ti permettano di lavorare sui tuoi obiettivi.

    Per approfondire: Il valore delle abitudini

    La tecnica dello scalatore

    Quando entrano in gioco obiettivi particolarmente sfidanti, che richiedono tempi di realizzazione medio-lunghi, il rischio di scoraggiarsi può aumentare esponenzialmente. In questi casi risulta molto efficace la tecnica dello scalatore (o dei piccoli passi), che consiste nel definire il processo di raggiungimento del nostro obiettivo partendo dalla fine, e procedendo a ritroso.

    Il nome della tecnica deriva dalla strategia adottata dagli scalatori che, per determinare il percorso di scalata di una montagna, lo frazionano in una serie di tappe intermedie partendo dalla vetta, e procedono a ritroso fino alla base, che ne rappresenta il punto di partenza.

    Edit-icon-32 Esercizio

    Il processo che caratterizza la tecnica dello scalatore, consiste nella definizione dell’obiettivo che si desidera raggiungere, e nella descrizione a ritroso dei passi che permetteranno di traguardarlo, aggiungendo opzionalmente per ogni passo le prime azioni che si intendono fare, e la stima del tempo che ci vorrà per completarlo:

    1. Pensa a un obiettivo che vuoi realizzare, e descrivilo secondo la regola SMART:

    S – Specific: specifico
    M – Measurable: misurabile
    A – Achievable: raggiungibile
    R – Relevant: rilevante
    T – Time-Bound: definito nel tempo

    ___________________________________

    ___________________________________

    ___________________________________

    2. Indica il passo immediatamente precedente al raggiungimento del tuo obiettivo (lo chiameremo Passo N-1). Definisci le prime azioni che lo caratterizzano, e indica una stima indicativa del tempo che ti servirà per completarlo.

    ___________________________________

    ___________________________________

    ___________________________________

    3. Indica il passo immediatamente precedente al passo N-1 (lo chiameremo Passo N-2). Definisci le prime azioni che lo caratterizzano, e indica una stima indicativa del tempo che ti servirà per completarlo.

    ___________________________________

    ___________________________________

    ___________________________________

    4. Procedendo a ritroso, definisci un passo alla volta fino a identificare la prima cosa che dovrai fare.

    ___________________________________

    ___________________________________

    ___________________________________

    Come esempio, riporto la tecnica dello scalatore applicata all’obiettivo di pubblicazione di questo blog:

    (Passo N) – Pubblicazione del blog.

    (Passo N-1) – Scelta del dominio e dell’hosting
    Prime azioni: Valutazione costi e benefici delle principali piattaforme di hosting.
    Tempo stimato: 1 settimana.

    (Passo N-2) – Ottimizzazione degli articoli per i motori di ricerca.
    Prime azioni: Studio dei principi di base del SEO, e del plugin Yoast SEO.
    Tempo stimato: 1 mese.

    (Passo N-3) – Integrazione delle immagini negli articoli.
    Prime azioni: Studio delle licenze sull’utilizzo delle immagini, e ricerca di risorse gratuite.
    Tempo stimato: 1 settimana.

    (Passo N-4) – Scrittura pagina “Inizia da qui”.
    Prime azioni: Studio della struttura della pagina “Inizia da qui” dei principali blogger.
    Tempo stimato: 1 settimana.

    (Passo N-5) – Scrittura pagina “Archivio”.
    Prime azioni: Ricerca e valutazione dei principali plugin di WordPress che generano la pagina archivio.
    Tempo stimato: 1 settimana.

    (Passo N-6) – Scrittura pagina “Risorse”.
    Prime azioni: Creazione in formato pdf dell’estratto del libro “I 12 pilastri della crescita personale”.
    Tempo stimato: 1 settimana.

    (Passo N-7) – Scrittura pagina “Chi sono”.
    Prime azioni: Studio della struttura della pagina “Chi sono” dei principali blogger.
    Tempo stimato: 1 settimana.

    (Passo N-8) – Scrittura degli articoli relativi al pilastro “Comunicazione”.
    Prime azioni: Rilettura “Le armi della persuasione” di Robert Cialdini.
    Tempo stimato: 1 mese.

    (Passo N-9) – Scrittura degli articoli relativi al pilastro “Consapevolezza”.
    Prime azioni: Rilettura “Vivere momento per momento” di Jon Kabat-Zinn.
    Tempo stimato: 1 mese.

    (Passo N-10) – Scrittura degli articoli relativi al pilastro “Personalità”.
    Prime azioni: Rilettura “I tipi psicologici” di Jung.
    Tempo stimato: 1 mese.

    (Passo N-11) – Scrittura degli articoli relativi al pilastro “Decisioni”.
    Prime azioni: Rilettura “Pensieri lenti e veloci” di Daniel Kahneman.
    Tempo stimato: 1 mese.

    (Passo N-12) – Scrittura degli articoli relativi al pilastro “Abitudini”.
    Prime azioni: Rilettura “Il potere delle abitudini” di Charles Duigg.
    Tempo stimato: 1 mese.

    (Passo N-13) – Scrittura degli articoli relativi al pilastro “Emozioni”.
    Prime azioni: Rilettura appunti sulla gestione emozionale.
    Tempo stimato: 1 mese.

    (Passo N-14) – Scrittura degli articoli relativi al pilastro “Intelligenza”.
    Prime azioni: Rilettura “intelligenza emotiva” di Daniel Goleman.
    Tempo stimato: 1 mese.

    (Passo N-15) – Scrittura degli articoli relativi al pilastro “Obiettivi”.
    Prime azioni: Rilettura appunti obiettivi SMART.
    Tempo stimato: 1 mese.

    (Passo N-16) – Scrittura degli articoli relativi al pilastro “Mentalità”.
    Prime azioni: Rilettura “Imparare l’ottimismo” di Martin Seligman.
    Tempo stimato: 1 mese.

    (Passo N-17) – Scrittura degli articoli relativi al pilastro “Felicità”.
    Prime azioni: Rilettura “La trappola della felicità” di Russ Harris.
    Tempo stimato: 1 mese.

    (Passo N-18) – Scrittura degli articoli relativi al pilastro “Fiducia in se stessi”.
    Prime azioni: Rilettura appunti sull’autostima e autoefficacia (Bandura).
    Tempo stimato: 1 mese.

    (Passo N-19) – Scrittura degli articoli relativi al pilastro “I bisogni umani”.
    Prime azioni: Rilettura appunti sulle teorie motivazionali basate sui bisogni umani (Maslow, Robbins).
    Tempo stimato: 1 mese.

    (Passo N-20) – Scelta dei plugins per la gestione della piattaforma.
    Prime azioni: Cercare e provare plugins WordPress per la gestione dei commenti.
    Tempo stimato: 1 settimana.

    (Passo N-21) – Scelta del tema WordPress.
    Prime azioni: Cercare e provare temi WordPress su un articolo di test.
    Tempo stimato: 1 settimana.

    (Passo N-22) – Studio della piattaforma di blogging WordPress.
    Prime azioni: Cercare e studiare tutorial su WordPress.
    Tempo stimato: 1 settimana.

    (Passo N-23) – Creazione dell’ambiente locale di lavoro XAMPP + WordPress.
    Prime azioni: Effettuare il download di XAMPP e WordPress.
    Tempo stimato: 1 settimana.

    Continua la lettura: WOOP – Wish Outcome Obstacle Plan
    Torna a: Come raggiungere un obiettivo con successo

    Lascia una recensione

    avatar