Il bisogno di importanza

    • Aggiornato il: 26-04-2021

    Il bisogno di importanza

    Il bisogno di importanza: considerazioni ed esercizi

    “Tutti noi vogliamo sentirci unici, desiderati, stimati e apprezzati. Per questo c’è chi lavora tantissimo per guadagnare molto, o acquista auto sempre più grandi o l’ultimo modello di cellulare: è convinto che questi comportamenti gli porteranno attenzione. Altri, invece, si impegnano continuamente ad acquisire informazioni e competenze, convinti che renderanno la loro presenza preziosa nell’ambiente lavorativo; altri ancora si dedicano al volontariato per sentirsi utili a qualcosa o qualcuno.”
    (Claudio Belotti)

    Il bisogno di importanza soddisfa l’esigenza di sentirsi persone uniche e speciali, ed i mezzi utilizzati per soddisfarlo sono pesantemente condizionati dagli standard di riferimento utilizzati per valutare il proprio valore.

    Alcuni individui puntano molto sul far sentire inferiori gli altri, altri esibiscono una versione falsata della loro vita, ed altri più saggi investono risorse ed energie per migliorare se stessi e dare il loro contributo alla società in maniera totalmente disinteressata.

    Per approfondire: Il bisogno di contribuire

    Il bisogno di importanza narcisistico

    “Quanta attenzione ti dedicano gli altri, e qual è il loro giudizio sul tuo conto? Vale a dire, fino a che punto soddisfano il tuo desiderio? Le persone ossessionate dal desiderio di approvazione danno l’impressione di guardare gli altri quando, in realtà, guardano solo se stesse. Non si preoccupano degli altri, ma solo dell’Io. In sintesi, sono egocentrici.”
    (Ichiro Kishimi)

    Se dovessi fare un elenco delle cose che ti rendono orgoglioso e ti fanno sentire importante, quante di queste dipendono dall’approvazione altrui?

    Quando il bisogno di importanza è soddisfatto attraverso l’esposizione di titoli, di beni materiali e della propria immagine per attirare l’attenzione, ricevere approvazione o far sentire inferiori gli altri, il rischio è quello di sviluppare una personalità narcisistica che può sfociare nell’egoismo, nella vanità e nella presunzione.

    Esiste poi il fenomeno del narcisismo digitale, sfruttato molto bene dai social network, che attraverso i meccanismi legati al numero di like o di follower contribuisce alla costruzione di una identità in rete che può allontanarsi molto da quella reale, generando una personalità poco integra che si nutre attraverso un mondo virtuale e illusorio.

    Per approfondire: Identità in rete

    Il bisogno di importanza disinteressato

    “La persona davvero speciale è quella che non sa di esserlo, che fa ogni cosa mettendoci il cuore, che non dà per ricevere, ma per il solo piacere di vederti sorridere.”
    (A. De Pascalis)

    Quando il piacere di sentirsi importanti si alimenta del contributo dato agli altri, bisogno di importanza e bisogno di contribuire tendono a fondersi in un unico bisogno. Parallelamente tutte le volte che soddisfiamo il senso di stima e di unicità per noi stessi attraverso lo studio ed il miglioramento delle competenze personali, è il bisogno di crescita che tende a sovrapporsi con il bisogno di importanza.

    Per approfondire: Il bisogno di crescita

    Edit-icon-32 Esercizio

    1. In una scala da uno a dieci quanto è importante il bisogno di importanza nella tua vita?

    ___________________________________

    2. Quali sono i mezzi interni (che dipendono da te) attraverso i quali soddisfi questo bisogno?

    ___________________________________

    3. Quali sono i mezzi esterni (che non dipendono da te) attraverso i quali soddisfi questo bisogno?

    ___________________________________

    Risorsa Consigliata

    Il coraggio di non piacere. Liberati dal giudizio degli altri e trova l’autentica felicità (Ichiro Kishimi, Fumitake Koga)

    2 Comments

    Antonio Sinatra

    • Dicembre 12, 2020 1:52 pm
    • Reply

    Vorrei capire meglio la differenza tra il bisogno di importanza e il bisogno di contribuire. Grazie e complimenti per quello che fai.

      Fabio

      • Dicembre 15, 2020 7:27 am
      • Reply

      Ciao Antonio,

      per rispondere alla tua domanda ho integrato ed esteso l’articolo. Spero che adesso sia più chiaro.

      Buona Crescita!

    Cosa ne pensi?